INQBI-POWER-CENTRALE-2016.png

inqbi-per-traduzione.jpg

Vulcano Ijen [Indonesia]

Sono in agguato nel tentativo di individuare un paio di giornate per due progetti ciclistici che ho riservato a Chiara.

La sua stagione al Ristorante in spiaggia è praticamente terminata, l'unica incognita è la situazione meteo che in questo periodo, in montagna, è consigliato tenere presente.

La fortuna è dalla nostra e riusciamo a ritagliare due giorni praticamente perfetti. Il primo da dedicare alla bici da corsa, il secondo per una bella avventura in mountain bike.

La nostra prima "tappa" sarà una versione ridotta del giro che ho fatto in piena estate, saranno circa 65 km con un discreto dislivello calcolato perfettamente in base alle potenzialità di Chiara..

Per riuscire a completare l'anello che ho in mente, decido di "segare" a metà la prima salita. Parcheggiamo la macchina a Pornassio.

La scelta comporterà la risalita con le bici per recuperare la nostra piccola Fiat 500 a fine percorso. Sarà una buona idea? Si.. senza dubbio si rivelerà la scelta vincente.

3_9.jpg

Era tanto che non mi concedevo un giro da solo, un po' perchè ho piacere di scambiare due chiacchere con Chiara e/o con gli amici, un po' (soprattutto) per ragioni di sicurezza.. non si sa mai..

E se succedesse qualcosa alla bici? Beh.. dal punto di vista meccanico non posso certo definirmi MacGyver.. ma chi se ne frega.. chi non risica non rosica! Eheheh..

Armato di un cestino con l'A-B-C ho deciso di fare un giro un po' anomalo rispetto ai consueti. Per la prima volta in bici da corsa salirò da Pantasina il Colle d'Oggia e, successivamente, affronterò la salita per il monte Acquarone passando da Lucinasco.

I chilometri da casa a casa sono 82, non sono tantissimi, tuttavia la maggior parte del giro sarà salita e discesa con pochi tratti in pianura per riprendere fiato.

Conosco le strade e so ancora prima di partire che nei tratti in discesa dovrò prestare la massima attenzione perchè l'asfalto o il cemento sono in pessimo stato.

Un giro come questo va affrontato preservando le energie o rischi di non finirlo. Parto tranquillo in direzione di Dolcedo e poi verso Molini di Prelà da dove parte la salita per Pantasina.

Pagine

Flash Back

chiarina-banner-top_3.jpg

delemp.jpg

pinte_0.pnggplus_1.pngfb_0.png